News 08 Luglio 2020 Back

Verso le elezioni 2021

Share

L’Assemblea dei Delegati, riunitasi lo scorso 10 giugno, ha deciso di avviare il percorso elettorale affinché nel prossimo maggio 2021 possano svolgersi le elezioni degli organi del Nuovo IMAIE.

Nel prossimo autunno, sarà pubblicato un nuovo Regolamento elettorale che scadenzerà le tempistiche per la presentazione delle liste elettorali e indicherà le modalità di voto.

Le elezioni si sarebbero dovute svolgere nel 2022: come mai vengono anticipate?

Questo avviene come conseguenza dell’Ordinanza del 22 aprile 2020 del Tribunale Civile di Roma che ha individuato un vizio nelle elezioni del 2018 connesso al sistema di voto postale.

Ecco testualmente cosa riporta l’ordinanza:

– il “Regolamento elettorale del Nuovo IMAIE (…) ha dato luogo in concreto ad un’assoluta confusione in ordine alle buste elettorali pervenute per corrispondenza e alle relative operazioni di scrutinio (…)”. Il “sistema della posta prioritaria 1Pro (Postel – Poste Italiane) si è rivelato inidoneo a indicare con certezza la data di spedizione e la data di arrivo” etale situazione crea un’assoluta incertezza sull’esito delle elezioni (….) risultando viziato l’intero procedimento elettorale”,

– conseguentemente, la delibera di proclamazione degli eletti del 3 agosto 2018 deve essere “sospesa”;

– dal provvedimento di sospensione della delibera di proclamazione degli eletti, l’Istituto non ricava “alcun danno risultando comunque in carica il precedente organo (cioè gli organi ante elezioni) “ed attesa anche la possibilità di attivazione dei meccanismi statutari per la sua valida sostituzione” (cioè avviare il percorso elettorale).

Ma perché il Tribunale ha dovuto emettere questa Ordinanza?

Perché le elezioni del 2018, erano state oggetto di contestazioni per evidenti disguidi dovuti al sistema elettorale (voti inviati per posta) che era stato adottato (così come ricorda anche l’Ordinanza) e che avevano portato a ben due scrutini, il primo del 26 giugno 2018, il secondo il 3 agosto dello stesso anno.

Ma perché due scrutini?

Perché dopo il primo scrutinio (che nell’audiovisivo aveva proclamato vincitrice la lista 2) e dopo la delibera del CdA del 17 luglio 2018, è accaduto che Postel ha consegnato uno scatolone contenente varie buste elettorali che erano giunte presso l’urna elettorale (sita in Fiumicino) in tempo per poter essere scrutinate (alcune buste addirittura giunte con un mese di anticipo rispetto al termine ultimo) ma che per errore non erano state da Postel inviate in tempo per lo scrutinio.

Constatato l’errore di Postel (che poteva pregiudicare l’esito del voto) il Presidente del Nuovo IMAIE e il Presidente della Commissione elettorale, a tutela dell’Istituto, hanno presentato istanza alla Commissione Ricorsi per chiedere se si dovessero scrutinare nuovamente le schede che recavano il timbro di attestazione della loro ricezione presso la casella postale (urna elettorale) nei termini previsti dal Regolamento elettorale. Anche i rappresentanti delle liste 1, 3, 4 e 5 del settore audiovisivo e alcuni esponenti delle stesse liste, hanno presentato separata istanza chiedendo che, considerato completamente inattendibile il sistema di voto postale, venissero rifatte le elezioni, o, in subordine, venissero scrutinate tutte le buste elettorali recapitate da Postel il 18 luglio 2018.

Con provvedimento del 2 agosto 2018 la Commissione Ricorsi, accogliendo entrambi i ricorsi, ha deciso di far scrutinare tutte le schede pervenute il 18 luglio e anche quelle giunte successivamente, non potendo determinare con certezza la data in cui esse erano arrivate nella casella postale. Quindi, in attuazione della decisione della Commissione ricorsi, il 3 agosto 2018 si è svolto lo scrutinio definitivo, che ha capovolto il risultato elettorale dell’audiovisivo, proclamando vincitrice (per due voti) la lista 1.

Cos’è accaduto in seguito?

Con citazione del dicembre 2018 e con successivo ricorso cautelare dell’aprile 2019, quindici componenti o sostenitori della lista 2 hanno deciso di rivolgersi al Tribunale con la richiesta di annullare la delibera di proclamazione degli eletti del 3 agosto 2018 e di confermare la delibera del 17 luglio 2018.

Qual è stato il motivo del ricorso?

Secondo i ricorrenti tra il 17 luglio 2018 e il 3 agosto 2018, sarebbero state commesse delle irregolarità: con particolare riguardo allo scrutinio delle buste elettorali consegnate da Postel in data 18 luglio 2018, conseguente al provvedimento della Commissione Ricorsi.

Nuovo IMAIE, costituitosi in giudizio, ha affermato di non aver commesso alcuna irregolarità e che se problemi si sono riscontrati nelle elezioni 2018, essi sono da addebitarsi al sistema elettorale del voto per posta, previsto nel Regolamento elettorale (così come votato dalla Assemblea dei delegati nel dicembre 2017).

Insomma, cosa ha accertato il Tribunale?

Il Tribunale ha contestato delle anomalie nel processo elettorale individuandole unicamente nel sistema di voto per posta che non è stato in grado di fornire alcuna certezza in ordine alla trasmissione della scheda elettorale, con la conseguenza che “l’intero procedimento elettorale risulta viziato. Queste le sole ragioni per cui il Tribunale ha accolto la richiesta di sospensione della delibera del 3 agosto.

E poi cos’è successo?

A questo punto (e siamo al giugno 2020) undici dei quindici originari ricorrenti hanno deciso di abbandonare definitivamente la causa. E ciò per due ragioni:

  1. anzitutto, perché, come detto, il Nuovo IMAIE ha deciso di avviare un nuovo percorso elettorale, al fine di poter svolgere le elezioni entro il maggio 2021 coerentemente alle indicazioni del Tribunale;
  2. in secondo luogo perché il Tribunale ha accertato, con il proprio decreto, che l’intero procedimento elettorale 2018 è risultato – anche a causa delle carenze del relativo Regolamento, con un voto postale senza tracciatura – radicalmente invalido, e, in tal modo, ha sostanzialmente anticipato che la futura sentenza non potrà affermare il successo né dell’una né dell’altra lista, ma solo confermare la necessità delle nuove elezioni, per tale motivo già programmate dal Consiglio reggente.

Con questo resoconto, confidiamo di aver chiarito le ragioni che hanno indotto l’Assemblea dei Delegati ad avviare il percorso elettorale.

Il Direttore del Doppiaggio: la professione e i suoi diritti Fondo Sostegno Artisti NUOVO IMAIE 2020: i prossimi passi

Ultime News

Decreto Cura Italia: partiti i bonifici per Artisti NUOVO IMAIE

Dal NUOVO IMAIE sono partiti i bonifici di 1.034,80 Euro diretti ad ognuno dei 3.446 Artisti iscritti all’Istituto che hanno presentato domanda per il Decreto Cura Italia (Art. 90) e la cui domanda è risultata idonea al contributo.

I tempi dell’accredito effettivo dei bonifici dipenderanno dai vari istituti bancari.

Ricordiamo che i bonifici arriveranno solo a coloro che hanno inserito correttamente i propri estremi bancari. In caso contrario, la tempistica di arrivo subirà dei ritardi non quantificabili.

NUOVO IMAIE, sempre al fianco degli Artisti

News 17 Gennaio 2022 LEGGI TUTTO

Calendario Ripartizioni 2022 Nuovo Imaie

Abbiamo inviato a tutti gli Artisti NUOVO IMAIE le comunicazioni del nuovo Calendario delle Ripartizioni 2022 per i settori Musica e Audiovisivo che, per comodità, alleghiamo anche in questa news.

Consulta il Calendario Ripartizioni Musica 2022

Consulta il Calendario Ripartizioni Audiovisivo 2022

Ti ricordiamo che sul Portale Artisti puoi accedere alla tua documentazione di dettaglio dei compensi e procedere direttamente alla compilazione online dei documenti fiscali (fattura regime dei minimi o ricevuta) o visionare il prospetto xml per fatture a regime ordinario, oltre che consultare le avvertenze relative alle ripartizioni dei diritti.

Sempre sul Portale Artisti, nel menu “Compensi”, puoi consultare anche i compensi maturati all’estero e incassati da NUOVO IMAIE attraverso le collecting di altri paesi per conto dei propri mandanti internazionali. Questi compensi sono incassabili con le stesse modalità di quelli maturati in Italia.

Se non sei ancora registrato al Portale Artisti, puoi farlo in qualsiasi momento a questo link 👉 REGISTRATI

Dal 17 dicembre 2021 è online il nuovo Portale Artisti che mette a disposizione degli Artisti NUOVO IMAIE una piattaforma con un’interfaccia rinnovata che semplifica e migliora le funzionalità già presenti e ne introduce di nuove. Per maggiori info sulle nuove funzionalità e sui video tutorial di funzionamento del Portale LEGGI LA NEWS DEL NUOVO PORTALE ARTISTI.

News 31 Dicembre 2021 LEGGI TUTTO

Contributo Provini e prossime iniziative per il 2022

L’Assemblea Video, per venire incontro alle richieste di molti Artisti, ha deciso di posticipare il termine di validità dell’iniziativa Contributo Provìni -  la cui conclusione era fissata al 31 dicembre 2021 - prorogando tale misura fino al 31 marzo 2022, con uno stanziamento massimo di Euro 300.000,00 complessivi.

Il pagamento dei provini di questo trimestre aggiuntivo avverrà nel mese aprile 2022, una volta accertato il totale delle domande valide ricevute. Qualora la somma totale delle domande valide sará superiore alla somma stanziata, il contributo individuale subirà una diminuzione proporzionale.

Si tratta dell’ultimo provvedimento del NUOVO IMAIE a favore dei provini, poiché il costo dell’iniziativa non è più sostenibile per l’Istituto. Basti pensare che nel solo 2021 sono stati spesi circa 2.000.000,00 di euro per soddisfare tutte le richieste, che hanno inoltre visto i nostri uffici impegnati in un’attività non più sostenibile.

La questione dei provini sarà affrontata in un dibattito pubblico che sarà promosso dal NUOVO IMAIE entro il marzo 2022, occasione in cui saranno invitati gli esponenti dei grandi network (Rai e Mediaset), delle piattaforme (Sky, Netflix, Amazon e Disney) e delle OO.SS. (organizzazioni sindacali) affinché sia introdotto il principio del diritto al rimborso in capo agli Artisti che hanno partecipato ai provini. Su questa battaglia “politica” chiediamo l’appoggio di tutti i nostri Artisti.

Nel 2022 saranno inoltre introdotte una serie di misure di sostegno del NUOVO IMAIE a favore dei propri Artisti che si articoleranno in:

  • Bando Artiste Madri, per il quale è previsto uno stanziamento complessivo di euro 200.000,00;
  • Bando Artisti in Difficoltà, per il quale è previsto uno stanziamento di euro 1.000.000,00;
  • Bando “Professione Artista”, che decorrerà dal 1 aprile 2022 (andando a sostituire il Bando Contributo Provini) per il quale è previsto uno stanziamento non inferiore ad euro 700.000,00.

I suddetti tre Bandi verranno pubblicati entro i primi 60 giorni del 2022

Successivamente, nella primavera 2022, saranno invece rese pubbliche le iniziative del NUOVO IMAIE a sostegno della produzione teatrale, audiovisiva e della formazione

Di ognuna di queste iniziative verrà data specifica comunicazione sul nostro sito e sui canali social del NUOVO IMAIE con tutte le info e chiarimenti in merito.

News 30 Dicembre 2021 LEGGI TUTTO

Fondo Artiste Madri 2021: erogati 704.000,00 Euro

E’ partita l’ultima tranche di bonifici ad altre 13 Artiste madri che hanno fatto domanda al Fondo NUOVO IMAIE pensato per loro.

Ad oggi si tratta di un totale 176 Artiste, che hanno avuto un bambino, lo hanno adottato oppure lo hanno avuto in affido pre-adozione, nel periodo luglio 2018 – dicembre 2020.

A queste 176 Artiste il NUOVO IMAIE ha erogato un contributo a fondo perduto di 4.000 Euro, per un totale complessivo di 704.000,00 Euro.

Un intervento importante per tutte quelle lavoratrici che in gravidanza o nel periodo immediatamente successivo hanno dovuto sospendere gli impegni professionali. Donne che svolgono una professione, non sempre adeguatamente tutelata.

Per scoprire in dettaglio i termini e le condizioni per poter accedere al Fondo di sostegno Artiste Madri NUOVO IMAIE leggi qui 👉 Termini e condizioni Fondo Artiste madri 2021

NUOVO IMAIE, sempre al fianco degli Artisti ❤️

nsato per loro.

News 29 Dicembre 2021 LEGGI TUTTO