Copia privata


E’ stata respinta dal Tribunale Civile la causa indetta dai fabbricatori di supporti vergini che devono corrispondere compensi di copia privata all’Ente deputato, per legge, a riscuoterli, la SIAE.
Il Presidente Miccichè, con soddisfazione, sottolinea come le istanze dell’Istituto mutualistico che tutela gli artisti interpreti esecutori, unitamente a quelle presentate dalla Siae, siano state favorevolmente accolte.
Nuovo IMAIE si auspica che a breve si possano incassare, e pertanto ripartire a tutti gli aventi diritto, le somme “di copia privata”, al momento, accantonate.
 

Concept & Design Logicamente Srl - Web Marketing